PER LEGGE, questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

La Storia della Scuola

scuolaScuola Materna REGINA ELENA (foto d'epoca)La scuola Materna Regina Elena, “l'asilo”, inizia la propria attività il 19 maggio del 1911, al fine di “custodire gratuitamente nei giorni feriali i bambini poveri di ambo i sessi del Comune di Offanengo, dell’età dai tre ai sei anni, e di provvedere alla loro educazione fisica, morale ed intellettuale, nei limiti consentiti dalla loro tenera eta” come recita l'art. 2 del primo Statuto.

In realtà ad Offanengo l'esigenza di un asilo si avvertì fin dal 1899 quando il comune di Offanengo accantonò £. 433,70 su un fondo creato appositamente per costruirne uno in futuro. All'inizio era solo un progetto ed ogni anno, fino al 1904, il Comune accantonò dei fondi per questo fine. Nel 1905 sorse spontaneamente un comitato per la raccolta dei fondi necessari per affrontare le future spese di progettazione e costruzione. Gli anni successivi furono decisivi, grazie soprattutto al sindaco di allora Sig. Foucault Conte Daugnon, primo presidente della commissione pro-asilo. Grazie a lui la Cassa di Risparmio di Milano donò £ 4.000 e così nel 1907 si appaltò l'incarico di progettare la ristrutturazione di un'aula di proprietà comunale dove si tenevano lezioni per l'istruzione elementare.

Tra progetti, tentativi falliti di apertura, cambi di amministrazioni comunali e recriminazione delle aree precedentemente donate, l'asilo riesce ad essere operativo solo nell'anno 1911. La prima maestra fu la signora Chinelli Matilde di Crema. Nel giugno del 1912 venne approvato il primo Statuto. Nel 1914 l'amministrazione dell'asilo ritorna nelle mani del Comune per poter incassare le £ 4.000 donate dalla Cassa di Risparmio di Milano. Nel 1925 e nel 1926 vennero acquistati gli appezzamenti e l'edificio dove sorge l'attuale asilo. Nel 1931, per mano del Gentiluomo di Corte di servizio, Sua Maestà la Regina consentiva che l'Asilo Infantile avesse ad intitolarsi al Suo Augusto Nome. Sempre nel 1931 venne riscritto lo Statuto e l'asilo venne eretto in Ente Morale. L'ultimo e recente Statuto è stato approvato nel 2003 e in quel contesto l'Ente è stato trasformato in Associazione di diritto privato e relativa depublicizzazione. Negli anni a cavallo tra il 1920 e il 1930 attivo promotore di iniziative a favore dell'Ente fu l'arciprete di allora Don Luigi Lupo Stanghellini.

Scuola Materna REGINA ELENA (foto d'epoca)L'attività dell'asilo inizia con il lavoro di alcuni laici, la stessa commissione pro-asilo è una propaggine del Consiglio Comunale. Dal 1915 il personale laico fu sostituito con quello religioso, dapprima con le Suore della Piccola Casa della Divina Provvidenza di San Vincenzo de Paoli, con sede in via Cottolengo, 14 di Torino, che operarono fino al 1925. Successivamente alle “Cottolenghine” subentrarono, probabilmente a partire dal 1926, le Madri Canossiane che operano ancora oggi. Con l'Istituto delle Figlie della Carità Canossiane l'asilo ha stipulato una convenzione sin dal 1981 e questo consente alle Madri di intervenire direttamente e di coordinare l'attività educativa della scuola. La storia dell'Asilo è fatta di persone che volontariamente si sono adoperate per racimolare fondi, organizzare eventi, garantire il servizio educativo.

Molti lo hanno fatto anche con donazioni e lasciti a partire dalla prima benefattrice Cloe Zanchi nel 1915, altri con il loro gratutito impegno quotidiano. E' questo desiderio di fare del bene, il riconoscersi in una struttura educativa di stampo cattolico, che ha permesso e permette tuttora l'erogazione di un servizio di tale importanza: la formazione del nostro futuro.